Servizi per il lavoro

L’Enac Puglia, tramite Garanzia GiovaniWelfare to Work, esprime la volontà dell’amministrazione pugliese di aiutare i disoccupati ad entrare nel mercato del lavoro riducendo costi inaccettabili per la comunità.

In pratica, si tratta di un’insieme di misure nel campo del lavoro, della fiscalità, della formazione, dell’istruzione e dell’assistenza che mirano ad accompagnare i settori più deboli e svantaggiati della popolazione attiva nel mondo del lavoro.

Hai un’età compresa tra i 15 e i 29 anni?

Sei disoccupato e non studi? Iscriviti al Piano Europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile!

Se risiedi in Italia – cittadino comunitario o straniero extra UE, regolarmente soggiornante – non impegnato in un’attività lavorativa né inserito in un corso scolastico o formativo, la Garanzia Giovani è un’iniziativa concreta che può aiutarti a entrare nel mondo del lavoro, valorizzando le tue attitudini e il tuo background formativo e professionale.

Che cos’è Garanzia Giovani

Garanzia Giovani (Youth Guarantee) è il Piano Europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile.

Con questo obiettivo sono stati previsti dei finanziamenti per i Paesi Membri con tassi di disoccupazione superiori al 25%, che saranno investiti in politiche attive di orientamento, istruzione e formazione e inserimento al lavoro, a sostegno dei giovani che non sono impegnati in un’attività lavorativa, né inseriti in un percorso scolastico o formativo (Neet – Not in Education, Employment or Training).

In sinergia con la Raccomandazione europea del 2013, l’Italia dovrà garantire ai giovani al di sotto dei 30 anni un’offerta qualitativamente valida di lavoro, proseguimento degli studi, apprendistato o tirocinio, entro 4 mesi dall’inizio della disoccupazione o dall’uscita dal sistema d’istruzione formale.

Sei disoccupato o in cassa integrazione?

Iscriviti programma Welfare to Work della Regione Puglia, rivolto ai disoccupati, lavoratori espulsi dal sistema produttivo a seguito di crisi aziendali.

Se risiedi nel territorio pugliese e sei  in possesso di uno dei seguenti requisiti iscriviti a Welfare to Work!

  • disoccupati percettori di ammortizzatori sociali
  • disoccupati privi di sostegno economico con reddito Isee superiore a 3000 euro
  • disoccupati inseriti in accordi di ricollocazione a seguito di accordi di programma o tavoli di crisi nazionali o locali
  • lavoratori in cassa integrazione per cessata attività
  • beneficiari della misura “Lavoro minimo di cittadinanza” finanziati con le risorse già trasferite agli Ambiti sociali di zona ai sensi della Dgr2456/2014

Che cos’è Welfare to Work?

Allo scopo di accrescere le competenze dei cittadini pugliesi in difficoltà occupazionale, la Regione Puglia intende riproporre tale modalità di intervento anche nella programmazione 2014-2020, traendo spunto dalla precedente esperienza anche per quanto concerne l’aggiornamento dei contenuti formativi e le modalità di programmazione ed attivazione dell’offerta formativa sul territorio.